Attivare le procedure per la verifica dello stato di calamità. Ripristinare la viabilità interna utilizzando gli aiuti comunitari previsti dal Piano di sviluppo rurale.

Sono le richieste di Coldiretti Sicilia all’indomani dell’ennesima ondata di maltempo che ha ulteriormente peggiorato la già precaria situazione delle infrastrutture e di molte colture.

“Si temono pesanti danni alle strutture nella zona iblea – aggiunge Coldiretti Sicilia – danni ai pescheti del Palermitano e non si contano più le strade interne diventate  percorsi ad ostacoli con pesanti ritardi nelle consegne”.

Gli agrumi della zona di Siracusa sono stati letteralmente sommersi dall’acqua e i danni alle radici si potranno verificare nei prossimi giorni così come nell’area del messinese. Intanto da tutta l’Isola arrivano segnalazioni di disagi.

Oggi in provincia di Ragusa è programmata la visita del governatore Rosario Crocetta che incontrarà le amministrazioni locali di Scicli e Modica, le comunità colpite e per assicurare il sostegno del governo, “un sostegno non solo formale – dice Crocetta – ma fatto di impegni concreti e risorse immediate per riparare i danni che il maltempo ha creato”.

Il presidente della Regione ha infatti annullato la conferenza stampa in programma oggi sull’avvio dei nuovi corsi di Formazione prevista stamane a Palermo.